GALLARATE ESTORCEVANO SOLDI PER DARE LAVORO

comm-gallarate-1

Due impiegati di 25 e 50 anni del Bangladesh sono stati arrestati dalla Polizia a Gallarate con l’accusa di aver estorto denaro ad alcuni operai per garantirgli l’assunzione.
I due erano addetti alla selezione del personale per un’azienda che si occupa di manutenzione della segnaletica e guardrail, e secondo quanto ricostruito dalle indagini del commissariato di Gallarate e coordinate dai pm di Busto Arsizio Francesca Gentilini e Martina Melita, avrebbero costretto aspiranti operai, quasi tutti stranieri, a versare loro compensi dai 300 ai 1000 euro per essere assunti con regolare contratto.
Dopo l’assunzione i dipendenti erano costretti, per mantenere il posto di lavoro, a versare in loro favore ulteriori somme mensilmente, nell’ordine del 40% della retribuzione.
Contemporaneamente e con il supporto degli Ispettori del Lavoro di Varese, si è proceduto alla perquisizione della sede della società acquisendo materiale probatorio, ora al vaglio, al fine di verificare tutti gli aspetti e le procedure seguite nelle assunzioni e il rispetto degli adempimenti di legge conseguenti.