BUSTO A. TRUFFA DELL’ABBRACCIO: DUE DENUNCE

nuovo-comm-to-busto

Due donne, autrici “seriali” di furti commessi con la tecnica detta “dell’abbraccio”, sono state identificate dagli investigatori del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio.
Si tratta di due romene, di 23 e 25 anni, senza stabile dimora e con numerosi precedenti.
Alla più giovane i poliziotti di Via Foscolo attribuiscono sei colpi, tutti commessi a Busto Arsizio dal mese di dicembre 2016 fino allo scorso 30 giugno ai danni di altrettante vittime, cinque uomini e una donna di età compresa tra i 60 e gli 85 anni.
La venticinquenne sarebbe comparsa, con funzioni di “spalla”, solo in occasione dell’ultimo colpo.
La tecnica è sempre la stessa: la vittima prescelta viene avvicinata per strada dalla ladra, una donna di piacevole aspetto che subito abbraccia il malcapitato e, a seconda dei casi, avanza esplicite proposte sessuali o millanta una pregressa conoscenza.
In realtà la malvivente, nei pochi attimi che ha a disposizione prima di essere respinta, riesce abilmente a sfilare dal collo o dal polso del malcapitato il bottino già adocchiato.
La Polizia di Stato impegnata in prima linea, senza sosta, con la campagna “Non Siete Soli #ChiamateciSempre “