Archivio 21 luglio 2017

VELA: WEEKEND DI GARE A LUINO

Non mancheranno i giapponesi, arrivati proprio in queste ore sulla sponda varesina del Verbano, e neppure gli austriaci, gli svizzeri e i tedeschi. Luino s’appresta a un fine settimana da protagonista nel mondo della vela nazionale e anche internazionale: da sabato 22 a domenica 23 luglio, con l’organizzazione dell’Associazione Velica Alto Verbano (AVAV), sulle acque del Lago Maggiore si sfideranno gli equipaggi in gara per la quarta e ultima prova stagionale della Coppa Italia, competizione riservata alla classe Dinghy. Il campo di regata verbanese ospiterà, quindi, la flotta di questa imbarcazione in singolo tra le più prestigiose del panorama velico, classe olimpica in due edizioni dei Giochi. Progettata de George Cockshott nel 1913, la Dinghi è lunga poco più di tre metri e sfrutta la potenza del vento sull’unica grossa vela aurica: «Siamo orgogliosi di poter avere in gara almeno una cinquantina di equipaggi – sottolinea il presidente AVAV Giovanni Moroni –. Un’altra importante manifestazione agonistica ad alto profilo che contribuisce anche allo sviluppo turistico luinese e, più in generale, dell’Alto Verbano. Va proprio in tal senso il supporto che ci ha offerto la Varese Sport Commission, iniziativa della Camera di Commercio che vuole valorizzare a fini turistici le eccellenze del nostro territorio, ideale per la pratica sportiva. Con la Coppa Italia classe Dinghi garantiremo almeno 200 pernottamenti alle strutture ricettive della zona, considerando i timonieri, i loro accompagnatori, i giudici e anche gli esponenti della Federazione Italiana Vela. Tra i velisti, anche due giapponesi, in rappresentanza di un paese dove la classe Dinghi è particolarmente diffusa, soprattutto nel mondo universitario. Sempre in tema di attrattività turistica, da segnalare anche che, in concomitanza con le nostre regate, Luino vivrà il suo primo “Fuori Salone”, mercato all’aperto per l’occasione dedicato ai prodotti in lino».
Ritornando alla vela, la prova luinese della Coppa Italia vedrà sfidarsi i più titolati timonieri della classe Dinghi, in competizione per un trofeo che ha già visto le prove di Punta Ala, Portofino e Chioggia. Tra i velisti più attesi, il campione nazionale in carica di questa classe, il ligure Vittorio d’Albertas, e i timonieri verbanesi come il direttore sportivo AVAV Enrico Negri e l’altro portacolori del club luinese Ezio Braga.
Le regate scatteranno sabato pomeriggio per poi continuare il mattino della domenica e concludersi il pomeriggio, intorno alle 17.30/18, quando la manifestazione si concluderà con le premiazioni nella sede AVAV sul lungolago di Luino.

GERMIGNAGA INCIDENTE STRADALE

Incidente stradale nella notte, poco prima delle 3, a Germignaga, in via Mameli.
Per cause ancora in fase di accertamento, la conducente di una autovettura, dopo aver urtato un automezzo in sosta, ha perso il controllo del proprio veicolo, ribaltandosi e rimanendo incastrata nell’abitacolo.
I vigili del fuoco del distaccamento di Luino intervenuti con un’autopompa, hanno estratto la ragazza mediate l’utilizzo di cesoia/divaricatore, messo in sicurezza i veicoli e collaborato con il personale sanitario per soccorrere la giovane.
Sul posto anche un’automedica e un’ambulanza, la ragazza è stata trasportata in codice giallo all’Ospedale di Circolo di Varese.

BUSTO A. VIOLENZA SULLE DONNE: ARRESTATO I PER RAPINA E LESIONI

I fatti sono accaduti a Busto Arsizio poco dopo le 20,00 del 19 luglio: alcuni passanti hanno richiesto l’intervento della volante del Commissariato della Polizia di Stato perché, nel piazzale di un distributore di carburanti in via XX Settembre, avevano assistito a una violenta aggressione subita da una ragazza ad opera di un uomo.

Arrivata sul posto la pattuglia ha trovato la giovane, di 25 anni, sanguinante e sofferente che ha spiegato che il ragazzo con il quale aveva avuto una relazione sentimentale e che aveva incontrato per dei chiarimenti l’aveva percossa con pugni e calci al capo e al viso, l’aveva immobilizzata dopo averla gettata in un’aiuola spinosa e le aveva portato via il cellulare.

Poiché l’aggressore, poi identificato come un venticinquenne italiano con precedenti, abita a Saronno, gli agenti hanno ipotizzato che si stesse dirigendo alla stazione delle Ferrovie Nord e lì, effettivamente, lo hanno raggiunto.

Il giovane, che aveva ancora in mano il telefonino strappato alla ragazza, alla vista dei poliziotti che volevano controllarlo ha dato in escandescenze, minacciando anche loro.

Tuttavia è stato bloccato e arrestato per rapina e lesioni.